Fertirrigazione

Le sonde tensiometriche sono apparecchi semplici che indicano l’eccesso o la mancanza di acqua nel terreno e possono far risparmiare acqua limitando il rischio per le colture.

Il contenitore cilindrico poroso viene posto nel terreno alla profondità che interessa, secondo la profondità in cui si sviluppa l’apparato radicale e lo strato di massima estrazione radicale della coltura di interesse. Agendo in questo modo, l’acqua contenuta nel tensiometro si pone in equilibrio con quella contenuta nel suolo, nello strato che ci interessa. Quando il terreno s'asciuga, l'acqua contenuta nel tensiometro diminuisce, nel caso invece di precipitazioni, il tensiometro segnerà l'elevata umidità del suolo.

Lo strumento, prima dell’impiego, va preparato. Dapprima deve essere riempito di acqua distillata e posto in un contenitore pieno di acqua per 24 ore. In questo modo si attiva la capsula porosa e lo strumento è pronto. In pratica si controlla il corretto funzionamento della capsula porosa e del vacuometro. Dopo ciò, si installa nel terreno o nel substrato, quando il terreno non è troppo asciutto per permettere allo strumento di porsi in equilibrio con il terreno. Si consiglia di installare più tensiometri in ogni area rappresentativa. 

 L’utilizzo di questo strumento è in crescita negli ultimi anni, per la semplicità e la precisione del suo utilizzo e per il suo basso costo. La gamma comprende:

  • Tensiometro manuale con bulbo svitabile - 30 - 45 - 60 cm 

APPLICAZIONI TIPICHE: • Orticoltura • Microirrigazione • Vivaismo •  Pieno campo •  Irrigazione su substrato